Nato a Bari l’incubatore universitario di start-up per lo sviluppo sostenibile

Con la partnership di Confindustria Bari BAT e Ance Bari BAT è nato a Bari l’incubatore universitario di start-up per lo sviluppo sostenibile del Politecnico di Bari.

L’atto di costituzione della società consortile è stato sottoscritto il 4 magio 2022 dal rettore del Politecnico di Bari Francesco Cupertino, dal presidente di Confindustria Bari BAT Sergio Fontana e dal presidente di e Ance Bari BAT Beppe Fragasso. L’obiettivo è favorire l’impresa innovativa e ad alto contenuto tecnologico nei campi più avanzati e promettenti dell’economia.

I destinatari sono giovani talenti con idee brillanti da lanciare sul mercato, ma anche imprese già esistenti, che hanno bisogno di svilupparsi e di riposizionarsi. Professori e ricercatori, manager, imprenditori e professionisti metteranno a disposizione le proprie competenze ed esperienze, per offrire servizi di consulenza e formazione specifici per le diverse esigenze.

Sul piano operativo, la prima attività dell’incubatore coinvolgerà i Politecnici di Bari, Milano e Torino con i rispettivi incubatori, nell’ambito di un progetto nazionale promosso da Cassa Depositi e Prestiti per lo sviluppo di un polo di tecnologie avanzate nel campo della sostenibilità. L’iniziativa si intitola Tech4Planet e prevede investimenti per 55 milioni di euro. L’obiettivo è fare emergere nuove imprese nelle aree in cui è forte l’interazione dei politecnici con i territori, anche attraverso la valorizzazione dei risultati della ricerca scientifica. I settori su cui puntare sono le energie rinnovabili, la mobilità sostenibile, la manifattura 4.0, la gestione delle risorse idriche e l’economia circolare, attraverso una rete diffusa di trasferimento tecnologico costituita dai laboratori dei tre atenei. Il progetto ha una durata prevista di quattro anni.

Accedi

Collegati al tuo account

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di utilizzo.
Leggi la nostra Cookie Policy